Prenota ora

Hotel
Data di arrivo:
Date
Notti:
Adulti:
Bambini:
Camere:

Codice cliente IATA
Codice Promozionale
Prenota Ora
regata-storica-canaletto

Regata Storica 2014 – Pranzo nella splendida terrazza del Grand Canal

 

Goditi il grande spettacolo della Regata Storica dal famoso ristorante con terrazza “Grand Canal”!

 

7 Settembre 2014

 

Uno spettacolare  corteo storico precede le gare con decine di imbarcazioni tipiche cinquecentesche, multicolori e con gondolieri in costume, che trasportano il doge, la dogaressa e tutte le più alte cariche della Magistratura veneziana!

Dalla splendida terrazza del Ristorante Grand Canal potrai ammirare la fedele ricostruzione del passato glorioso di una delle Repubbliche Marinare più potenti e influenti del Mediterraneo.

Ecco il menu del Pranzo Regata Storica di Venezia:

 

Per info e prenotazioni telefonare al num: +39 041 520 0211 o compilate il form cliccando qui

 

Hotel Monaco & Grand Canal

Piazza San Marco

Alla scoperta di Piazza San Marco

Luogo centrale fin dai tempi della Serenissima, il Sestiere San Marco è ancora oggi il centro religioso e socio economico della città.

Piazza San Marco, considerata una delle più belle al mondo, dove i mosaici bizantini si riflettono sulle pozzanghere d’acqua , lascia senza fiato se osservata dalla giusta angolazione. Entrando dal sottoportico del museo Correr  a pochi passi dai negozi dei grandi sarti si ha una visione straordinaria. Perché San Marco è il salotto di Venezia un tempo luogo di passeggio e oggi meta preferita dei turisti che affollano ogni suo angolo per immortalare qualche scorcio della Basilica, del Palazzo Ducale o del Campanile.

Lasciando la Piazza, la zona si estende fino al ponte di Rialto, attraverso le Mercerie, famose per lo shopping di lusso e prosegue poi per campo Santo Stefano e Palazzo Grassi luoghi ricchi di antiquari e attività artigianali.

Scendendo invece con il vaporetto in Calle Vallaresso si può ammirare l’isola di San Giorgio, la chiesa della Salute e l’isola della Giudecca. Quale occasione migliore per sorseggiare il tipico Bellini, un cocktail di prosecco e spremuta di pesca , osservando il panorama dalla Terrazza dell’ hotel Monaco & Grand Canal. Accoglienza, tradizione ed eleganza sono i punti di forza che caratterizzano la storica struttura. In ogni stagione uno sguardo alla maestosa chiesa della Salute è sicuramente uno degli  spettacoli mozzafiato che offre Venezia…

Siete pronti a venire a trovarci?

L’hotel Monaco & Grand Canal è il vostro hotel a due passi da Piazza San Marco : cercate tra le nostre offerte e regalatevi un soggiorno da vip !!

Fronte Hotel

La terrazza dell’Hotel Monaco & Grand Canal

La terrazza dell’ Hotel Monaco & Grand Canal

Non è un segreto per nessuno né una violazione della privacy affermare che presso la Terrazza dell’ Hotel Monaco & Grand Canal Restaurant si danno appuntamento  i rappresentanti di istituzioni, i guru dell’economia e della finanza, giornalisti ed editori, artisti, uomini di cultura, imprenditori, attori, registi e scrittori,…

In effetti non è una terrazza qualunque, è semplicemente una terrazza “mitica”.

Sarà per la scenografia che si ha di fronte, la Punta della Dogana, la Basilica della Salute, l’ Isola di San Giorgio, l’ Isola della Giudecca con le Zitelle e la chiesa del Redentore, sarà per gli spettacoli creati dalla luce in ogni stagione e a seconda delle ore, ma chiunque sia venuto, sia per uno spuntino o per una cena romantica ha subito il fascino di questo spazio aperto.

Insomma, qui, in questa terrazza così vivace e così raccolta, così elegante e così casual, così romantica così istituzionale, gli opposti ci sono tutti, si incontrano, si fondono, qui c’è qualcosa di magico, come la vita.

La terrazza dell’Hotel Monaco & Grand Canal vive, si nutre della vita di Venezia: il Carnevale, i fuochi del Redentore, il Festival del Cinema, la Regata Storica, il Premio Campiello, le mostre di Palazzo Grassi e le importanti iniziative dei musei veneziani, i concerti del Teatro La Fenice, sono tutte occasioni per incontrarsi, ritrovarsi, assaporare i profumi della cucina veneziana e innamorarsi ogni volta di più di Venezia

Ogni ospite della Terrazza, che sia dell’albergo, Veneziano o semplicemente un curioso qui trovano il piacere di farsi coccolare e ritrovare il piacere di sapori introvabili altrove… Dalla mitica terrazza alle mitiche ricette.

Se cercate un Hotel a Venezia dove vivere un esperienza non esitate! guardate tra le nostre offerte e fate la vostra prenotazione

Regata Storica14

Regata Storica 2014

che spettacolo dalla terrazza del Ristorante Grand Canal!!

disegno ricrostuzione Haroba Kosht

Veneti in Oriente – Immagini di una scoperta.

 

La più antica chiesa paleo-cristiana lungo la via della seta (Turkmenistan)

Esposizione presso lo spazio museale di Castelbrando a Cison di Valmarino (TV) 

dal 26 luglio al 30 settembre 2014.

 

Il Centro Studi Ricerche Venezia-Oriente “Antiqua Agredo” e la guida turistica YesVenezia esporranno una mostra fotografica sui risultati della missione italiana, diretta dal Presidente di Antiqua Agredo, Gabriele Rossi Osmida, che, in collaborazione con il Dipartimento nazionale del Turkmenistan dei Monumenti Storici e Culturali e con il contributo del Consiglio Regionale Veneto, ha rappresentato l’iniziativa archeologica italiana più importante in Turkmenistan.

La mostra, attraverso un percorso di immagini e parole, illustra le tappe di una scoperta di fondamen-tale importanza nell’ambito dell’archeologia paleo-cristiana in Asia, in grado di gettare nuova luce sulla storia dei rapporti tra Italia e Oriente. Se i documenti storici avevano finora offerto solo indizi sui rap-porti commerciali tra italiani e monaci nestoriani, il ritrovamento del monastero di Merv dà sostanza alle ipotesi storiche.

La mostra si articola per un primo settore nell’esposizione di pannelli fotografici descrittivi della scoperta e nella proiezione di un filmato relativo alla messa in luce del sito e al successivo restauro. Saranno a disposizione del pubblico fascicoli descrittivi in italiano, inglese e turkmeno con foto a colori.

Nel secondo settore sarà esposto del materiale etnografico corredato da foto ed un filmato per far meglio conoscere il paese del Turkmenistan.

In occasione dell’inaugurazione è in programma una presentazione, nel Teatro Magno del castello, da parte del direttore della missione Gabriele Rossi Osmida, del restauratore Stefano Tracanelli e di Lucio Cimitan, che ha curato le analisi scientifiche dei reperti.

YesVenezia – La tua Guida

REDENTORE3

Grand Galà del Redentore 2014 – Cena al Ristorante Grand Canal

La Festa del Redentore è una delle feste più tradizionali di Venezia che viene celebrata, da ormai cinque secoli, la terza domenica di luglio.

La ricorrenza della Festa del Redentore a Venezia 2014, oltre ad avere un carattere religioso, è famosa anche per il grande spettacolo dei fuochi d’artificio che si tiene nella notte tra il  sabato e la domenica sul Bacino di San Marco e per le regate di imbarcazioni tipiche veneziane, che attraggono un vasto pubblico proveniente da tutto il mondo.

Immaginate di poter vivere in prima fila uno degli spettacoli pirotecnici più belli al mondo direttamente dalla Terrazza Ristorante dell’Hotel Monaco & Grand Canal con vista sul Bacino di San Marco e sul Canal Grande!

Godete del magico panorama dal Ristorante Grand Canal e dalla sua Terrazza prenotando un tavolo per lo splendido Gala del Redentore!

Qui di seguito il menu della serata:

Venezia, 19 luglio 2014

€ 385,00 per persona, bevande non incluse

 

Per info e prenotazioni : 

+39 0415200211 o compilate il form cliccando qui

 

Palazzo Ducale

Palazzo Ducale

 Il Palazzo del Doge

Immaginate di fare un salto nel passato e di essere seduti nelle sale del Gran Consiglio, di fronte a un affresco e stoffe dorate… Il Palazzo Ducale: è l’antica sede del Palazzo del Doge e magistratura veneziana ma era il luogo vitale della Serenissima dall’alba fino alla caduta. E ‘ un capolavoro di arte gotica, con l’alternanza di pietra d’Istria e marmo rosa, l’edificio è un imponente struttura stratificata di elementi strutturali e ornamentali. L’interno, decorato da artisti straordinari come Tiziano, Veronese, Tiepolo, Tintoretto, Vittoria, permette percorsi ampi e sorprendenti: dalle enormi sale della vita politica alle preziose stanze del Doge, dall’ armeria alle prigioni che attraversano il ponte di sospiri, per arrivare alle logge luminose con viste incomparabili sul Bacino di San Marco.

Dopo la caduta della Repubblica di Venezia, il cui scopo è stato decretato nel corso della riunione del Gran Consiglio del 12 maggio 1797, il palazzo non fu più utilizzato come sede del Doge e dei magistrati, ma è stato utilizzato come sede del uffici amministrativi degli imperi napoleonico e asburgico. Nel 1807 il palazzo divenne sede della Corte d’Appello, mentre nel 1812 le camere sono state utilizzate come sede della Biblioteca Marciana.In quegli anni molte statue sono state esposte nel Palazzo Ducale. La destinazione d’uso  è stata cambiata solo molto più tardi, quando nel 1904 la biblioteca ha avuto la sua attuale localizzazione e nel 1918 quando la stessa sorte toccò il Museo Archeologico. Le prigioni, note come “Piombi”, hanno conservato per molto tempo la loro funzione e sono stati oggetto degli scritti di Silvio Pellico.

Con l’annessione di Venezia al Regno d’Italia  il Palazzo Ducale venne ristrutturato e nel 1924 ed è stato usato come un museo, che è ancora oggi.

REDENTORE

La Festa del Redentore al Monaco & Grand Canal

Redentore 2014

La Festa del Redentore è nata tra il 1575 e il 1577, durante un’epidemia di peste che devastò Venezia. Durante questo breve periodo un buon terzo della popolazione della città o più cadde vittima della malattia mortale, in particolare il celebre pittore veneziano, Tiziano. Il Senato, sollecitato dal Doge Alvise Mocenigo, commissionò una maestosa chiesa ,dedicata a Cristo Redentore, da costruire sull’isola della Giudecca come una richiesta di intervento divino. La chiesa venne commissiontata ad Andrea Palladio, uno dei più abili architetti del tempo. Nel giro di un anno la città era si loberò dalla peste, ed i cittadini riconoscenti di Venezia  celebrarono la festa del redentore ogni anno.La Festa del Redentore è una festa che è particolarmente popolare tra i veneziani, in cui convivono l’aspetto religioso con una festa spettacolare che attrae migliaia di visitatori. Sabato sera, lo scenario inimitabile di Bacino di San Marco ospita un fantasmagorico spettacolo pirotecnico che illumina le guglie, le cupole e i campanili della città, con un caleidoscopio di colori e riflessi. Al crepuscolo, proprio come hanno fatto per secoli, numerose piccole imbarcazioni addobbate con palloncini, decorazioni e lanterne colorate, cominciano ad affluire nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca. Le barche si avvicinano e tutti i partecipanti godono di una sontuosa cena a base di specialità della tradizione veneziana in attesa dello spettacolo pirotecnico, che inizia alle 23:30 e dura fino a mezzanotte inoltrata.

La Festa del Redentore si svolge la notte tra il terzo Sabato e la Domenica di luglio

L’Hotel Monaco & Grand Canal vi offre l’esclusivo “Pacchetto Redentore”, che include la tradizionale cena in Terrazza, da dove vi sembrerà di toccare i fuochi d’artificio con un dito.

S_erasmo_chiesa

Isole della Laguna – Sant’Erasmo

Sant’Erasmo

Immaginatevi di trovarvi in mezzo alla laguna di Venezia su un isola dove regnano pace e tranquillità e circondata da verdi prati . Questa è  l’isola Sant’Erasmo conosciuta meglio come “l’orto di Venezia” perché sin dai tempi della Repubblica Serenissima i campi e le vigne di questo luogo hanno rifornito la tavole imbandite dei Dogi e dei nobili veneziani e che tutt’oggi conserva questa sua caratteristica agricola. Nel  ”giardino segreto di Venezia” ancor oggi si possono visitare i luoghi abitati un tempo dagli abitanti della città di Altino fuggiti dalle invasioni barbariche. La Torre Massimiliana, ad esempio,  è una struttura a pianta circolare eretta a metà del 19mo secolo voluta dall’ arciduca Massimiliano e oggi rimane l’unico esempio architettonico in Italia. Qui vengono ospitate mostre d’arte e gallerie fotografiche che raccontano la storia e la vita di quest’isola e della laguna che la circonda. Trascorrerete una giornata rilassante con ritmi lenti e silenziosi tra un campo e un vigneto! Potrete assaggiare i prodotti tipici di questa isola come le “castraure”, un piccolo carciofo viola, o in periodo di vendemmia in ottobre potrete degustare il vino tipico dell’ isola denominato “torbolino” ottenuto da uve bianche  leggermente frizzante.

Una visita è sicuramente raccomandata ed è facilmente raggiungibile con il Vaporetto numero 13 dalla fermata di Fondamente Nuove

Prenota il tuo soggiorno con la nostra offerta Alla scoperta delle Isole della Laguna di Venezia.

Il pacchetto comprende:

  • Soggiorno di 3 notti in camera doppia classica (piccola colazione esclusa )
  • Wi-Fi gratuito per l’intero soggiorno
  • Biglietti gratuiti per 2 persone validi per 72 ore sulle linee pubbliche di navigazione che permettono anche di visitare la maggior parte delle Isole della Laguna di Venezia.
  • Piantina della città con tutte le linee di navigazione veneziane

Iva e servizio

logo biennale 2014

Biennale di Architettura 2014

Biennale di Architettura 2014

Siete pronti per una nuova Biennale? Quest’anno i Giardini della Biennale e l’ Arsenale ospiteranno “Fundamentals”. Un titolo misterioso ed enigmatico dov’è racchiusa l’essenza della mostra internazionale di architettura.

La ricerca del nome “Fundamentals” è stata voluta dal curatore Rem Koolhass per esprimere ciò che lega noi essere umani con la nostra civiltà e l’ architettura. Al suo interno, la mostra ospiterà molte attività integrative  all’esposizione. “Absorbing Modernity 1914-2014”è un invito rivolto ai padiglioni nazionali da parte del curatore della mostra  per esporre attraverso capolavori architettonici  il processo di annullamento delle caratteristiche nazionali a favore dell’ assunzione di un singolo linguaggio. Mentre, l’espressione “ Elements of Architecture” si focalizza su alcuni principi essenziali dei nostri edifici utilizzati da ogni architetto. Questi componenti sostanziali possono essere ad esempio pavimenti o porte oppure balconi o ascensori… ovvero gli elementi “Fundamentals” dei nostri edifici messi in relazione con la quotidianità sociale dell’ uomo di oggi.

Infine “Monditalia” è l’evento dedicato al Bel Paese, dove attraverso esposizioni  musicali e spettacoli teatrali,  si intrecciano i temi di religione, economia, politica dell’ Italia. Biennale di Architettura  2014 è  anche danza, musica, teatro e cinema.. Insomma le Biennali nella Biennale.

Siete pronti per una visita mozzafiato tra arte, storia, natura?

Dal 7 giugno al 23 novembre 2014 presso i Giardini della Biennale, l’Arsenale

Prenota il tuo soggiorno con il biglietto d’ingresso

riviera del brenta(1)

La Riviera del Brenta

Scopri la Riviera del Brenta!

La Repubblica di Venezia in mille anni storia ha lasciato molte eredità. Fra queste nella vicina terraferma è rappresentata  la cosiddetta civiltà della villa veneta, intesa come governo del territorio, patrimonio d’arte, opera di innumerevoli architetti, pittori e scultori. Verso la metà del 500 le famiglie patrizie veneziane decisero infatti di investire le grandi ricchezze accumulate nei commerci con l’Oriente nella realizzazione di grandi imprese agricole da amministrare direttamente. Nascono così tra il 1500 e il 1700 lungo in Naviglio della Riviera del Brenta  le dimore delle famiglie patrizie veneziane, case di campagna trasformate in splendide ville dove si amministrano le rendite fondiarie e che diventano, nel tempo,  “luogo di delizie”  con feste, giochi, balli.  I nobili veneziani risalivano le placide acque del fiume Brenta con le barche partendo direttamente dalle loro abitazioni affacciate sul Canal Grande. Il soggiorno in villa inziò ad assumere, nel 700, un carattere mondano e di distinzione sociale per la ricca borghesia veneziana, fregiatasi, nel frattempo, anche di titoli nobiliari. La concentrazione di ville, con accanto le tipiche barchesse, le stalle, le colombare e le abitazioni per i coloni si fece tanto elevata da determinare  una traforazione del paesaggio della Riviera del Brenta come se fosse una continuazione del Canal Grande. Oggi le splendide ville venete sono visitabili attraverso itinerari nei quali si intrecciano colori, musica, natura arte e storia. Scopri con noi le residenze estive dei ricchi veneziani!

La Riviera del Brenta è facilmente raggiungibile da Venezia con gli autobus Actv  con le linee 53,54,57.

In treno dalla stazione di Mestre per Mira, Dolo, Oriago, Vigonza, Campagna Lupia, Bojon, Campolongo Maggiore.

Ogni giorno alle 8:45, da marzo a ottobre, è possibile visitare le ville venete in barca con il “Burchiello”  partendo dal pontile della Pietà in Riva degli Schiavoni – San Marco a 10 minuti dal nostro Hotel!

I nostri concierge potranno prenotare la vostra visita guidata in barca!

logo biennale 2014

Vivi la Biennale di Architettura 2014

Siete pronti per una nuova Biennale?

Vivila al Monaco & Grand Canal

 

 

Burano

Isole della Laguna – Burano

Burano

Per sfuggire alle invasioni barbariche del 452 d.C., gli abitanti della città di Altino si rifugiarono nelle isole della Laguna di Venezia tra cui Burano. Il suo nome deriva dalla “Porta Boreana”, uno degli ingressi della città di Altino chiamata così perché posta in direzione da cui soffia il vento di nord-est, la bora. Conosciuta per le sue colorate case e i merletti, l’isola lagunare ha tradizioni molto antiche. Sviluppatasi inizialmente su palafitte, fin dai tempi della Repubblica di Venezia, Burano viveva solo di pesca e solo successivamente l’arte del merletto permise all’isola di farsi conoscere anche all’estero. La storia del merletto inizia nella notte dei tempi legata ad avventure e leggende del passato. Infatti la novella narra che un antico pescatore promesso sposo, durante un’uscita in mare verso l’oriente, venne tentato dal canto delle sirene. L’uomo resistendo ai loro incanti, ricevette un dono dalla regina, rimasta affascinata dalla fedeltà di costui. La sirena colpì con la coda il fianco della nave e dalla schiuma, creatasi dal movimento dell’acqua, formò il velo nuziale per la giovane sposa.

Arrivato il giorno delle nozze, consegnò il dono alla sua fidanzata, la quale fu ammirata ed invidiata da tutte le giovani dell’isola e costoro cominciarono ad imitare il merletto del suo velo utilizzando ago e filo sempre più sottile, sperando così di creare un ricamo ancora più bello per il loro abito da sposa.

Le prime testimonianze della fioritura del commercio di merletti risalgono alla fine del XV° secolo. Questo tipo di artigianato conobbe la sua diffusione nel XVI° secolo grazie alla dogaressa Morosina Morosini che creò un laboratorio. Con il passare del tempo il merletto di Burano acquisì fama internazionale e presto entrò a far parte del corredo di molte nobili famiglie europee. Alle fine dell’Ottocento nacque la scuola del merletto dove veniva tramandata l’arte, di generazione in generazione. La scuola venne poi chiusa nel 1970 dove oggi sorge il Museo del Merletto nel quale è possibile ammirare i meravigliosi capolavori delle merlettaie. Il museo conserva circa 200 esemplari della scuola eseguiti fra il XVI° e XX° secolo. Oggi all’interno dell’edificio è possibile vedere all’opera le merlettaie acquistando direttamente da loro prodotti autentici. Passeggiando per le colorate calli si giunge alla Chiesa di San Martino Vescovo.

Dedicata al Vescovo di Tours venne consacrata il 29 ottobre 1645 da Marco Antonio Martinengo, Vescovo di Torcello. La chiesa non ha un ingresso principale infatti si accede lateralmente da una porta in stile rinascimentale vicina alla Cappella di Santa Barbara. L’entrata è costituita da un vasto atrio che ospita la statua della Madonna. L’interno invece, è in stile lombardo- barocco con una pianta a croce latina divisa in tre navate sormontata da pilastri neoclassici. I molteplici colori delle case che oggi sono un’attrattiva per l’isola, in passato servivano per delimitare le proprietà; tuttavia esiste una leggenda  legata proprio ai colori dell’isola. Essa narra che erano i pescatori a dipingere le loro case per poi riconoscerle da lontano quando tornavano dopo lunghi periodi trascorsi in mare. Immergersi in una racconto del tutto fantastico vi permetterà ti “toccar con mano” le meraviglie di un tempo!

I nostri concierge vi daranno tutte le informazioni utili per trascorrere una giornata all’insegna della storia in una perla della Serenissima!

L’isola di Burano è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici dal centro storico.

Prenota il tuo soggiorno con la nostra offerta Alla scoperta delle Isole della Laguna di Venezia.

Il pacchetto comprende:

  • Soggiorno di 3 notti in camera doppia classica (piccola colazione esclusa )
  • Wi-Fi gratuito per l’intero soggiorno
  • Biglietti gratuiti per 2 persone validi per 72 ore sulle linee pubbliche di navigazione che permettono anche di visitare la maggior parte delle Isole della Laguna di Venezia.
  • Piantina della città con tutte le linee di navigazione veneziane

Iva e servizio

Hotel allergy free

Hotel allergia free – Hotel Monaco & Grand Canal

Come è noto, le allergie colpiscono una larga parte della popolazione e sono peraltro in aumento.
Per i viaggiatori allergici è spesso un problema riuscire a trovare  hotel con camere che possano rispondere alle loro esigenze.

 

Da qui nasce l’idea dell’Hotel Monaco & Grand Canal di poter andare incontro alle necessità dei clienti che soffrono di allergie e riuscire a soddisfare così le loro richieste, avvicinandosi sempre più agli standard di albergo allergia free.

I viaggiatori allergici potranno contare su dei servizi adeguati e garantiti: l’Hotel Monaco & Grand Canal mette infatti a disposizione due camere completamente “allergia free”.

Le camere, arredate in stile veneziano, eleganti e sobrie, sono perfettamente adatte alla permanenza di ospiti con allergia agli acari della polvere.

Proprio per questo motivo non contengono arredi con imbottiture, che possono determinare l’aumento della concentrazione di acari, come moquette e tappeti, ma sono invece  dotate di pavimenti in parquet.

 

                 
I letti delle due camere standard sono ricoperti esclusivamente da materiali e tessuti anallergici:  federe, lenzuola, coperte, cuscini e materassi, sono completamente antiacaro, così da garantire la totale impermeabilità agli allergeni e permettere al tempo stesso un ampio passaggio dell’aria e una protezione permanente da muffe, funghi e batteri.

 

E’ senza dubbio apprezzabile che l’Hotel Monaco & Grand Canal abbia preso in considerazione le necessità degli allergici, permettendo loro di soggiornare in delle vere e proprio camere “salva respiro”.

Torcello

Isole della Laguna – Torcello

Torcello

Immersa nelle barene della Laguna di Venezia, l’sola di Torcello è, ancor oggi, testimonianza della lunga storia della città di Venezia.  Abitata già in epoca romana, tra il V  e VI  secolo divenne rifugio delle popolazioni della vicina Altino a seguito delle invasioni barbariche. Diventata di proprietà dell’Esarcato bizantino di Ravenna, a seguito dell’ultima e più grave invasione, quella dei Longobardi, gli esuli della città di Altino vi trasferirono anche la sede episcopale nel 639, avviando la costruzione della cattedrale ancor oggi visitabile. Assieme alle isole circostanti di Mazzorbo, Burano e Murano, l’isola diventò in breve tempo luogo di scambi commerciali con il Mar Adriatico. Nel corso degli anni l’isola venne abitata da migliaia di persone ma, a partire dal XV secolo in molti si trasferirono a San Marco che divenne poi il nuovo bacino di scambi commerciali con l’Oriente.

Oggi, l’isola poco abitata sembra una foto istantanea antica quale dimostrazione di come si svolgeva la vita quotidiana un tempo. Trascorrere una giornata in questo luogo immerso nella natura è un po’ come utilizzare una macchina del tempo ed essere i protagonisti di un racconto. Infatti, ancor oggi e possibile visitare la Chiesa di Santa Fosca costruita tra l’XI e il XII secolo che presenta all’esterno un portico su cinque lati mentre all’interno è possibile vedere la sobria abside pentagonale. Questo edificio religioso si fa ammirare per le sue proporzionate dimensioni e per l’armonia degli elementi architettonici. Proseguendo la visita si arriva alla Cattedrale di Torcello, Santa Maria Assunta, fondata nel 639 per ordine di Isaacio, Esarca di Ravenna. L’interno ha un ambiente solenne con una pavimentazione formata da ricchi mosaici marmorei. Sulla parete di ingresso è posto un meraviglioso mosaico, il Giudizio Universale, capolavoro della scuola veneto-bizantina che operò a Torcello nel XII e XIII secolo. Questa chiesa rappresenta la costruzione monumentale più antica presente in tutta la Laguna di Venezia. La cattedrale, la Chiesa di Santa Fosca e un piccolo palazzetto guardano tutti verso la piazzetta, uno spazio erboso con al centro un massiccio sedile in pietra chiamato “sedia di Attila, re degli Unni. Passo dopo passo, dall’ imbarcadero al centro dell’isola è possibile ammirare una moltitudine di paesaggi sempre diversi, fatti di rovi, di foglie scosse dalla brezza della laguna, di rovine, di vegetazione e di sentieri.

Rivivere un passato anche solo per una giornata è un qualcosa di unico e raro volto a scoprire gli antichi segreti di una civiltà che ancor oggi vive. Se volete aggiungere un’ulteriore tappa al Vostro soggiorno a Venezia, sicuramente Torcello saprà soddisfavi!

I nostri concierge saranno a vostra disposizione per darvi tutte le informazioni necessarie.

Prenota il tuo soggiorno con la nostra offerta Alla scoperta delle Isole della Laguna di Venezia.

Il pacchetto comprende:

  • Soggiorno di 3 notti in camera doppia classica (piccola colazione esclusa )
  • Wi-Fi gratuito per l’intero soggiorno
  • Biglietti gratuiti per 2 persone validi per 72 ore sulle linee pubbliche di navigazione che permettono anche di visitare la maggior parte delle Isole della Laguna di Venezia.
  • Piantina della città con tutte le linee di navigazione veneziane

Iva e servizio

 

isole-minori-San-Francesco-del-deserto

Le Isole della Laguna – San Francesco del Deserto

San Francesco del Deserto

Immersa nella Laguna di Venezia, nei pressi delle isole di Burano e di Sant’ Erasmo, è situata la piccola isola di San Francesco del Deserto. È un territorio isolato ricco di storia e spiritualità immerso nel verde ed abitato dai Frati Minori fin dal 1230 circa. La storia narra che la fondazione dell`eremo coincide con il soggiorno in Laguna di San Francesco d`Assisi di ritorno dall`Egitto, nel 1220 circa. Successivamente, dopo la morte di San Francesco, il Doge Jacopo Michiel donò l’isola ai frati minori della Chiesa di Santa Maria dei Frari di Venezia che vi edificarono un convento. Qui vi rimasero fino al 1420, quando, indotti dal deperimento dell’isola, i pochi frati rimasti la abbandonarono.
Dal 1420 al 1453 l’isola rimase quindi deserta fino a quando papa Pio II concesse l`isola ai frati Minori Osservanti che, raccolte le offerte in città, restaurarono la chiesa e il convento edificando il chiostro rinascimentale.
Quarant’anni più tardi papa Clemente VIII inviò nell’isola una comunità di frati Minori Riformati che vi rimasero fino alla soppressione napoleonica nel 1806. Solo dopo cinquant’ anni, nel 1856 quando l`imperatore Francesco I d’Austria donò l’isola al Patriarca di Venezia, i  Frati Minori Francescani vi fecero ritorno.  Il fascino dell’isola ha ispirato per secoli artisti e poeti di tutto il mondo e tutt’oggi i Frati abitano questo luogo incantato. L’isola è aperta ai turisti sia per una visita culturale a carattere storico e religioso ma anche per gustare la pace e la tranquillità che questo magico sito lagunare Vi offre.

L’isola è raggiungibile solamente con mezzi privati.

Orario di apertura: 9.00-11.00 /15.00-17.00
Chiuso il lunedì.
Chiuso anche il mattino del 17 settembre (festa delle Stimmate di san Francesco)
e il mattino del 4 ottobre (festa di san Francesco).

La visita è guidata da un francescano.

Grand Carte

Grand Carte all’Hotel Monaco & Grand Canal Venezia

Grand Carte

Abbiamo cambiato la Carta al nostro Grand Canal Restaurant!!!

“Nella tradizione italiana, come in quasi tutti i paesi, la carta di un ristorante segue uno schema piuttosto semplice: è suddivisa per portate (che in Italia sono antipasti, primi, secondi, contorni, desserts) e corredata dai prezzi dei singoli piatti. Spesso comprende anche la lista delle bevande. Può contenere infine alcune proposte di menu fissi.
Si suppone che ogni cliente scelga al massimo un piatto per ogni portata. Tradizionalmente il cameriere pretendeva che si scegliesse almeno un piatto per ognuna delle portate principali (che in Italia sono due, mentre all’estero è una sola), oggi c’è più libertà.
Un discorso a parte meritano le bevande che, nei ristoranti più qualificati, sono presentati in una lista a parte: la carta dei vini; in molti casi la presenza di un sommelier (esperto curatore della cantina e dell’offerta delle bevande) può essere preziosa per i giusti abbinamenti alle pietanze ordinate” (cit.)

La nostra “Grand Carte” combina piatti dagli influssi internazionali e piatti tipici della Serenissima sempre preparati e presentati con cura e precisione: le apprezzate e storiche portate del Ristorante, come la “tartare di salmone e pesce spada”, la “zuppa di pesce al profumo di zafferano”, i “bigoli in salsa”, il “risotto di pesce”, gli “scampi sgusciati al curry”, la “grigliata di pesce dell’Adriatico”.

Prenota il tuo tavolo!!

 

Copas-de-vino

Hotel Monaco & Grand Canal arricchisce la sua cantina Vini

 

L’hotel Monaco & Grand Canal e il suo Ristorante “Grand Canal” arrichiscono la loro già ben fornita cantina vinicola con 2 nuovi nomi, un bianco e un rosso.

 

Il bianco è uno Chardonnay-Pinot Grigio della Società Agricola Villa Minelli

Anche il rosso proviene dalla stessa Società agricola, Villa Minelli ed è un Merlot-Cabernet Sauvignon

 

Entrambi i vini sono anche acquistabili durante la prenotazione di una camera direttamente dal nostro sito web. Arricchite il vostro soggiorno con dei vini delicati

escape_venice

Capodanno 2014 Gala Dinner

 

Il Ristorante Grand Canal vi invita al magnifico Cenone Danzante di Capodanno che si terrà nella splendida cornice del Salone del Ridotto.

 

 Cenone Danzante di Capodanno con musica dal vivo
Martedì 31 dicembre 2013 ore 20,30

 

Menu:

Coppa di Champagne
con Delizie dello Chef
***
Insalata di Crostacei
con Spuma di Sedano Rapa ai Sapori Invernali
***
Brodetto di Scorfano all’Aroma di Timo
***
Ravioli fatti in Casa con Tartufo di Norcia
e leggera Fonduta di Parmigiano
***
Scampi Fritti con Salsa Tartara
***
Sorbetto alle Erbe e Bergamotto
***
Guancetta di Manzo brasata al Valpolicella
su Schiacciatina di Patate all’Essenza di Rosmarino
***
Dolce Fantasia di Capodanno

Caffè

Il costo del Gala è di 325,00 Euro per persona bevande Escluse

 

Per informazioni e prenotazioni Vi invitiamo a cliccare qui, compilare il form oppure chiamare +390415200211

 

Capodanno 2014 a Venezia

Mappa – Hotel Monaco & Grand Canal