Redentore, 15 luglio 2017

La Festa del Redentore è nata tra il 1575 e il 1577, durante un’epidemia di peste che ha devastato Venezia. Durante questo breve periodo un buon terzo della popolazione della città o più cadde vittima della malattia mortale, in particolare il celebre pittore veneziano, Tiziano. Il Senato, sollecitato dal Doge Alvise Mocenigo, ha commissionato una maestosa chiesa dedicata a Cristo Redentore costruita sull’isola della Giudecca come una richiesta di intervento divino. La chiesa venne commissionata ad Andrea Palladio, uno dei più abili architetti del tempo.

Nel giro di un anno la città era diventata libera della peste, ed i cittadini riconoscenti di Venezia ha celebrato la festa del redentore ogni anno. La Festa del Redentore è una festa che è particolarmente popolare con i veneziani, in cui convivono l’aspetto religioso con una festa spettacolare che attrae migliaia di visitatori. Sabato sera, l’impostazione inimitabile di Bacino di San Marco ospita un fantasmagorico spettacolo pirotecnico che illumina le guglie, le cupole e i campanili della città, con un caleidoscopio di colori e riflessi. Al crepuscolo, proprio come hanno fatto per secoli, numerose piccole imbarcazioni addobbate con palloncini, decorazioni e lanterne colorate, cominciano ad affluire nel Bacino di San Marco e nel Canale della Giudecca. Le barche si avvicinano e tutti i partecipanti godono di una sontuosa cena a base di specialità della tradizione veneziana in attesa dello spettacolo pirotecnico, che inizia alle 23:30 e dura fino a mezzanotte inoltrata.

 

L’hotel Monaco & Grand Canal è lieto di ospitarvi nelle mitica terrazza per godervi in prima fila la magia dei fuochi d’artificio!

Prenota il tuo tavolo!

Share this article